LA MUSICA CHE SUSSURRA IL DOLORE

Marzo e Aprile sono i mesi dedicati alla cura della Depressione, una malattia che affligge una buona percentuale della popolazione mondiale, che può arrivare a qualsiasi età e spesso con ragioni non così chiare.

E’ una malattia della quale non si parla tantissimo , che fa molta paura e che apre nella mente di ognuno di noi a scenari molto forti.

E’ un dolore silenzioso, cupo, sordo…

La musica ha cercato spesso di tradurre questo dolore in parole e armonie, ma con molta difficoltà. Spesso usa testi arrabbiati, in cui si urla , si stride… ma non è così che si sente una persona che ha la depressione.

Questo è uno dei testi e delle musiche che, a mio parere, riesce un po’ a sussurrare quel dolore.

MAYBE TOMORROW – STEREOPHONICS

Been down and I’m wondering why – Sono stato abbattuto e mi sto chiedendo il perché

These little black clouds keep walking around with me, with me – Quelle piccole nubi nere continuare a camminare con me, con me

Waste time and I’d rather be high – perdo tempo e preferirei stare meglio

Think I’ll walk me outside and buy a rainbow smile but be free, be all free – Penso che andrò fuori a passeggiare e comprerò un arcobaleno ma siate liberi, siate liberi

So maybe tomorrow I’ll find my way home – Così forse domani troverò la mia strada di casa

So maybe tomorrow I’ll find my way home – Così forse domani troverò la mia strada di casa

I look around at a beautifiul life – Mi guardo intorno in cerca della bella vita

I been the upper side of down; been the inside of out – Sono stato sul gradino più basso; sono stato dentro ciò che era fuori

but we breathe, we breathe – Ma noi respiriamo, noi respiriamo

I wanna a breeze and an open mind – Voglio la brezza ed un’apertura mentale

I wanna swim in the ocean, wanna take my time for me, it’s all free – Voglio nuotare nell’oceano, voglio prendere il mio tempo per me, è tutto gratis

spaventapasseri_2612644

3